Referendum 4 Dicembre 2016 – Voto all’estero

REFERENDUM 4 DICEMBRE 2016
Voto dei cittadini elettori temporaneamente all’estero per motivi di lavoro, studio o cure mediche

In occasione del Referendum Costituzionale del 04 dicembre 2016 la Legge 6 maggio 2015 n. 52  prevede la possibilità di esercizio del voto per corrispondenza da parte degli elettori che si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi per motivi di lavoro, studio o cure mediche, nonché dei loro familiari conviventi.

Con la legge citata viene riconosciuto stabilmente per le elezioni politiche e i referendum nazionali il diritto di voto per corrispondenza nella circoscrizione Estero – previa espressa opzione valida per un’unica consultazione – agli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento della medesima consultazione elettorale, nonchè ai familiari con loro conviventi.

Gli interessati devono presentare apposita domanda al comune d’iscrizione nelle liste elettorali entro dieci giorni successivi alla data di pubblicazione del decreto di convocazione dei comizi elettorali. L’istanza, redatta su carta libera, può essere inviata per posta, per telefax, per posta elettronica anche non certificata, oppure può essere recapitata a mano al comune anche da persona diversa dall’interessato.

E’ disponibile un apposito modello di opzione che può essere utilizzato dagli elettori temporaneamente all’estero che intendono esprimere il voto per corrispondenza, scaricabile dal sito del Comune, del Ministero degli Esteri (www.esteri.it), oppure reperibile presso l’Ufficio Elettorale Comunale.

Maggiori informazioni possono essere richieste agli uffici elettorali comunali.

torna all'inizio del contenuto